Rassegna artistica Characters - Milano

Di: Art Press | 26/09/2020 17:46:26
RASSEGNA ARTISTICA CHARACTERS espongono:
Thomas Berra, Milla Bandiera, Francesca Bozano, Ivana Carrozzi, Pamela Cucchi, Marco Fratini, Gian Piero Gasparini, Daniela Nasoni, Ester Negretti, Angelo Nogara, Alessandra Pennini, Gianpaolo Pillinini, Luigi Christopher Veggetti Kanku, Valentina Zelli.
Periodo:
VERNISSAGE: 6 Febbraio 2007 ore 18.30
FINISSAGE: 18 Febbraio 2007
ABSTRACT: Lasciar parlare la vita attraverso i suoi “Personaggi”.
Nasce da questa idea il progetto “Characters”: una mostra che è anche un diario lungo il nostro Paese e racconta la quotidianità e le passioni, le battaglie e le conquiste, i problemi e le trasformazioni di un mondo che ci appartiene e che non smettiamo mai di esplorare. dal 6 febbraio alla Galleria The New Ars Italica di Milano saranno in mostra i ritratti eseguiti e interpretati da quattordici giovani artisti emergenti tra i più promettenti del nuovo panorama italiano.
DURATA: Dal 6 al 18 Febbraio 2007
ORARI DI APERTURA: Da Martedì a Venerdì dalle 11.00 alle 14.00 e dalle 16.00 alle 19.00. Lunedì e sabato dalle 16.00 alle 19.00. Oppure su appuntamento telefonando al numero 02 876533.
BIGLIETTO: INGRESSO LIBERO
ORA VERNISSAGE: 18.30
GENERE: tecniche miste
Galleria New Ars Italica Milano - Via De Amicis, 28
Tel. & Fax: 02876533 Web: www.arsitalica.it
Curatori: Kristina Snajder e Mariasole Brivio Sforza
CHARACTERS
Il mondo è un palcoscenico. Semplici attori gli uomini e le donne, che escono ed entrano a comando. E molte parti in vita sua ricopre un solo uomo. Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni. William Shakespeare Charachters ovvero personaggi; ma personaggi da intendersi in puro senso teatrale. Sul palcoscenico tutto è possibile, tutto ha un anima; anche gli oggetti e gli animali interpretano una parte. Sono lì non solo per se stessi, ma soprattutto in rappresentazione di un altro sogno. La Galleria The New Ars Italica è orgogliosa di ospitare questa rassegna che fonde intorno ad un tema di massima 14 giovani talentuosi artisti selezionati nei mesi con l’ aiuto di critici e collezionisti. Artisti emergenti in tutti i sensi : perché unici nel vasto panorama artistico e perché molto promettenti. E sarà bello perdersi negli eloquenti volti di Luigi Christopher Veggetti Kanku, Daniela Nasone, Ester Negretti, Gianpaolo Pillinini e Alessandra Pennini. Ci si stupirà davanti alle anime metafisiche della scultrice Pamela Cucchi e del pittore Marco Fratini, ai corpi di Milla Bandiera e alle composizioni oniriche e quasi felliniane di Valentina Zelli. Non potevano mancare anche ritratti in senso lato ma incredibilmente pregnanti come quelli Francesca Bozano e Ivana Carrozzi. I soggetti di Gian Piero Gasparini e Thomas Berra sono raffigurati sulla tela, ma sono da sempre impressi in modo indelebile nella nostra memoria. Quest’ ultimo artista sta sviluppando una nuova corrente d’ ispirazione pop assimilabili alle contaminazioni della “factory” così come le visioni fluo del fotografo Angelo Nogara. . Da non perdere l’ attesa performance dell’ italo-australiano Christopher Pisk. L’artista reinterpreterà in chiave musicale e non solo il mito aborigeno della creazione di Ulur: il monolito sacro della tradizione australe. Lo spettatore verrà catapultato in una composizione musicale visiva; diventerà l’ eroe di epico poema sinfonico. Il mondo che ne emerge è vario, la realtà trasversale. Volti e parole, idee e contraddizioni si fondono. E’ un mondo che parla di emozioni sottili quello tracciato dalla pittura di questi giovani artisti. I loro lavori ci offrono delle visioni che emergono dal tessuto della memoria, ritratti metropolitani di grande effetto, volti intensi illuminati dai neon e da luci non usuali, rarefatte o intense, atte a dare risalto espressivo al volto stesso. Ognuno di quei dipinti è pronto a parlare, a esprimere pensieri, a raccontare storie, ad evocare sentimenti; eppure nessuno di loro è banale o ripetitivo, sono simili, ma nello stesso tempo differenti, poiché in ognuna di quella tele la purezza e la verità emergono rinnovate dai tumultuosi gorghi del vivere quotidiano, fondendo la storia con la realtà individuale. “Personaggi” protagonisti del passato e del presente, con una storia straordinaria, unica e originale da raccontare: la loro.

“Allora Bioy Casares ricordò che uno degli eresiarchi di Uqbar aveva dichiarato che gli specchi e la copula sono abominevoli, perché moltiplicano il numero degli uomini”.
(Jorge Luis Borges, Finzioni)
“Il nuovo corso della Galleria d'Arte The New ARS ITALICA cerca giovani di talento da lanciare nel mondo dell’ arte. Preferiamo opere che si riallaccino in qualche modo al figurativo, ma siamo aperti a tutte le proposte interessanti.”
Con questo annuncio la galleria d’arte The New ARS ITALICA invita sul suo sito i giovani che si riconoscono in questa figura artistica a farsi avanti.
Si tratta di artisti come Luigi Christopher Veggetti Kanku, o l’artista metropolitano Thomas Berra, o ancora Daniela Nasoni e Ester Negretti, solo per citarne alcuni, i cui consensi di pubblico e di critica e le cui quotazioni stanno rapidamente salendo, ma che restano interessanti per un collezionista attento alla qualità e alle nuove tendenze dell’arte.
Tra questi anche: Milla Bandiera, Francesca Bozano, Ivana Carrozzi, Pamela Cucchi, Marco Fratini, Gian Piero Gasparini, Angelo Nogara, Alessandra Pennini, Gianpaolo Pillinini, Valentina Zelli.
Nel corso della serata inaugurale accompagnerà la rassegna una performance musicale dell’artista italo-australiano Christopher Pisk, che re-interpreterà prima l’azione della creazione di Uluru, poi la lettura della sua storia ed infine la scrittura di note musicali in forma di parole: si creerà una composizione musicale visiva, un poema sinfonico: un percorso nei miti aborigeni della creazione di Uluru, il monolito sacro della tradizione australe.
La mostra poi è un viaggio attraverso i volti d’Italia alla ricerca di protagonisti, testimonianze, facce, luoghi, memorie e vissuto delle persone.
Il mondo che ne emerge è vario, la realtà trasversale. Volti e parole, idee e contraddizioni si fondono.
I personaggi sono gente comune, giovani e vecchi, donne e uomini, protagonisti del passato e del presente, con una storia straordinaria, unica e originale da raccontare: la loro.
Ognuno di quei volti, dallo sguardo franco, ma lontano, socchiude le labbra: è pronto a parlare, a esprimere pensieri, a raccontare storie, a evocare sentimenti; eppure nessuno di loro è banale o ripetitivo, sono simili, ma nello stesso tempo differenti, poiché in quei volti la purezza e la verità emergono rinnovate dai tumultuosi gorghi del vivere quotidiano, fondendo la storia con la realtà individuale.
E’ un mondo che parla di emozioni sottili quello tracciato dalla pittura di questi giovani artisti. I loro lavori ci offrono delle visioni che emergono dal tessuto della memoria, ritratti metropolitani di grande effetto, volti intensi illuminati dai neon e da luci non usuali, rarefatte o intense, atte a dare risalto espressivo al volto stesso.
Un percorso di opere pittoriche che ripropone diverse modalità di rappresentazione del volto, attraverso le tecniche e le forme interpretative di 14 promettenti artisti italiani.

Risposte


Nessuna risposta trovata!