Illustrator: uso dei colori pantone solid coated

Di: trak | 26/09/2020 18:32:30
Buonasera a tutti!
domande:
x una grafica devo usare il pantone solid coated.
Se conosco un codice pantone ad esempio PANTONE 144C esiste un modo per scrivere il codice colore ed avere il campione senza doverlo cercare con il mouse tra quelli della tavolozza?
Dove si trova il bianco su questo pantone (a patto che esista)?
Come si può sapere ad esempio su una grafica che contiene un colore blu la corrispondente tonalità di pantone?
Spero di riuscire a capirne di più... intanto vi ringrazio in anticipo!

Risposte



"trak"Se conosco un codice pantone ad esempio PANTONE 144C esiste un modo per scrivere il codice colore ed avere il campione [/QUOTE]
Si, nel menu laterale del pannello Pantone solid coated clicca su Mostra campo trova, ora ci dovrebbe essere il campo Trova: , scrivici il colore n. e invio, et voilà.
Una volta scelto un colore, questo si aggiunge al pannello campioni così che, lo puoi usare e riusare velocemente e tranquillamente; comunque, anche quando inserisci un’immagine o un disegno che contiene tinte piatte, i colori vengono automaticamente aggiunti come campioni al pannello Campioni. Puoi applicarli a oggetti del documento, ma, non li puoi né definire né eliminare; i campioni colore scelti li potrai usare anche in altri documenti, basta salvare i campioni in un file (.ase).
-- Nel pannello Campioni, seleziona i campioni da salvare.
-- Scegli Salva campioni nel menu del pannello Campioni.
-- Specifica un nome e una posizione per il file e Salva.
"trak"dove si trova il bianco su questo pantone ( a patto che esista)?

il bianco non è un colore: ti faccio un esempio banale
una comune stampante a getto d'inchiostro, stampa tutti i colori che stanno intorno alla grafica bianca ma non stampa il colore bianco.
Solo in serigrafia a quanto so, viene stampato il bianco come fondo coprente ma, in tipografia, sulla stampa su carta non viene usato; comunque, su questo argomento, il più qualificato a risponderti mi sembra essere il nostro amministratore del forum, sto parlando dell'ottimo Pablito che di tipografia se ne intende...
[QUOTE="trak"]come si può sapere ad esempio su una grafica che contiene un colore blu la corrispondente tonalità di pantone?

Con Illustrator lo puoi fare con ricolora grafica, comunque ti voglio ricordare che passare da cmyk a pantone e viceversa è sempre relativo/soggettivo, non esiste un metodo assoluto.
Buona giornata a tutti...

Di: Glyphs | 26/09/2020 18:32:30


Innanzitutto grazie Glyphs per la fiducia.
Premessa: i colori pantone si usano solo in casi particolari. Ad esempio quando devi realizzare scatole con lo stesso colore sociale della ditta che è particolarmente attenta a queste cose. Vedi il caso di rosso Ferrari, Microsoft ed altre aziende di un certo livello.
I colori pantone si usano raramente proprio perché costano e normalmente il processo di stampa avviene con apposite macchine a 5 colori (chiaramente si possono usare anche sulle macchine a due colori, ma in quel caso dovresti eliminare 3 colori di quadricromia ed avere tutta la grafica a due tonalità.)
Bene ha scritto Glyphs riguardo al bianco. Non ha senso un colore bianco quando questo è il colore della carta. Ha senso invece un grigio metallizzato su una carta nera o colorata.
In parole povere, usa i colori Pantone solo quando sei costretto e non hai altre alternative in quadricromia.
In questi casi particolari basta comunicare al tipografo che vuoi quel preciso colore pantone e lui provvederà a procurarselo (in genere quindi si usa per tirature elevate, certamente non per 10 copie).

Di: Anonimo | 26/09/2020 18:32:30


Mi permetto di fare una piccola osservazione. L'uso dei colori Pantone non è affatto raro. Dipende solo dal tipo di stampa e dal materiale stampato.
Se si parla di stampa offset effettivamente il Pantone è abbastanza sostituibile da CMYK (con l'eccezione dei colori speciali tipo fluo o metalizzati o colori istituzionali), in caso di stampa flexo già le cose cambiano. La necessità di utilizzare tinte piatte per separare il colore dei testi o magari fare fondi pieni dietro immagini CMYK diventa più forte e se per esempio stampiamo in flexo su film non è raro arrivare a stampe con 7 o 8 colori.
Anche in rotocalco l'utilizzo dei colori Pantone è indispensabile anche se rispetto alla flexo la facilità nella gestione delle sfumature si sente parecchio.

Di: alan.ford.tnt | 26/09/2020 18:33:30


ok grazie a tutti per le spiegazioni...la grafica finirà in stampa x t-shirt quindi su tessuto e chiedono proprio l'uso del pantone solid coated.complimenti a tutti e grazie ancora!

Di: trak | 26/09/2020 18:33:30


ciao a tutti. Ritengo anche io che questo argomento sia perfettamente trattato e spiegato. Ma giusto per rompere un po' le scatole vorrei parlare del bianco nella stampa offset.
In realtà l'inchiostro bianco esiste, per quei casi in cui il cliente vuole stampare a tutti i costi su cartoncino nero, o comunque su una carta scura (bordeaux, verdone, marrone ecc...)
Non è comunque facile da stampare perché innanzitutto bisogna lavare moooolto bene le macchine da stampa; poi, come tutti gli inchiostri offset, anche il bianco non è così coprente come ad esempio gli inchiostri serigrafici. Quindi bisogna fare 2 o anche 3 passaggi in macchina per ottenere uno strato di inchiostro sufficiente a coprire il colore di fondo. Ovviamente tutto ciò fa lievitare i prezzi e le imprecazioni degli stampatori.
Un'altra possibilità è quella di realizzare il rilievo termografico con la polvere bianca, che dà un'ottima coprenza sulle carte scure.
ciao

Di: dimograff | 26/09/2020 18:33:30