Progettazione: monografia 17x24cm

Ciao ragazzi, avrei bisogno di un consiglio.
Devo progettare per l'università un libro/monografia fotografica di 15/20 scatti.
Avevo pensato di usare un formato rettangolare, così che andasse bene sia per le foto verticali che le orizzontali su doppia pagina.
Ora, il formato deve rientrare in un 70x100, il problema è che, essendo alle prime armi, non sò quanto "vuoto" possa lasciare, ovvero quel limite in cui nel 70x100 avanza troppo spazio inutilizzato e risulterebbe uno spreco di carta oltre ad un costo più elevato.
Avevo intenzione di usare un 17x24 in modo che nel lato 70 (orizzontale) avanzerebbero 2 cm (17x4 = 68) mentre nel lato verticale il 100 avanzerebbe un pò di più (24x4=96, 4 cm).
Mi pare uno scarto fattibile no? in questo caso, contando la costa di copertina potrebbe anche rientrare nei 2 cm (essendo solo 15/20 scatti non credo avrebbe uno spessore elevato, penso intorno ai 5-6 mm) quindi 17+17+0,5 =34,5 x 2= 69 e quindi anche la copertina avrebbe ancora meno scarto nel lato 70.
Insomma, scusate i calcoli matematici, fatto sta che avanzerebbero da 1 ai 4 cm, è fattibile no?
Quandè che un formato non conviene più? Ovvero, quandè che lo scarto è troppo elevato?

 /le, N.D.

Perché devi stampare su 70x100?
Se stampi in digitale non fai prima ad usare formati più piccoli invece che plottare?

 TCK, N.D.

il 17x24, da imposizionare sul foglio macchina da 70x100 cm, è il formato pressoché ideale, considera che l'eventuale spazio in più dovrai lasciarlo all'interno della gabbia tipografica 17x24; in questo modo non dovrai preoccuparti di dover utilizzare fogli macchina più grandi del 70x100 (72x102 ad esempio) e lo sfrido minimo. per lasciare uno spazio adeguato per le pinze carte e i crocini di registro, suggerirei, contando anche lo spazio bianco intorno al testo all'interno della gabbia 17x24, una distanza di almeno 1,5-1,7 cm su tutti e quattro i lati

 Boe Doni, N.D.

Io ho dato per scontato stampi in digitale e non tipografia per il semplice fatto che in quest’ultimo caso ai fogli macchina ci pensa il tipografo, non chi deve progettare.

 TCK, N.D.

le espressioni spreco di carta e costo più elevato suonano come tipiche di tipografia offset

 Boe Doni, N.D.

come d’altronde progettare per l’università suona tipico di una stampa in digitale...

...o comunque di una persona che non possiede una tipografia (ergo anche nel caso fosse offset fa fare questo lavoro al tipografo).

 TCK, N.D.

esatto: devo progettarlo così per esigenze del professore.
(ovvero: dovete imparare come funziona).
nella verità andrò a stamparla in copisteria su A3 e ovviamente sarà solo 1 copia, ma nella progettazione rientra anche l'immaginare che sia un prodotto reale da stampare in tipografia e in più copie. (na rottura e basta, insomma)

 /le, N.D.

Che scuola è?

 TCK, N.D.

non stampare in A3 che comporterebbe riduzione in scala, ma effettua un plottaggio su foglio 70x100

 Boe Doni, N.D.

Se stampi due spread a pagina, se ne stampi uno ci sta.

Certo, con un sacco di carta sprecata e forse costi più alti ma in compenso è una scelta incredibilmente più flessibile (più tipologie di carte, più grammature, stampa più rapida, meno problemi).

E poi voglio vedere le grasse risate a fare un fronte retro su plotter.

 TCK, N.D.

io pensavo di stampare pagine affiancate e poi incollarle (dobbiamo presentare solo un moke-up) e quindi 2 17x24 sarebbere 24x34 che entrerebbe in un A3 no? (29,7x42)...
La rottura è che il modo in cui io stamperò è completamente diverso da quello che rientra nella progettazione, quindi dovrò calcolare tutte cose (formato, foliazione) che nello specifico non userò!

la scuola è l'istituto europeo di design a Roma...in particolare esame di fotografia, supportato però dalla docente di grafica editoriale (molto esigente)

 /le, N.D.

un MOMENTO! così non va bene (e me ne dovevo accorgere prima)

il fatto é che il 17x24 é un formato ideale per il foglio macchina 70x100 solo se le pagine sono pari ad almeno una o più segnature complete da trentaduesimi (16 per facciata) altrimenti é uno sprechissimo e se la prova verte sullo spreco e io fossi il docente che ti giudica, io ti boccerei per avermi fatto usare (e quindi spendere) tanta carta solo per buttarne la gran parte

il formato si sceglie in base al foglio su cui le pagine verranno imposizionate e al loro numero

scegliere un foglio macchina da 70x100 e poi presentare il menabò su un A3 é, come puoi capir da solo, una sciocchezza

devi piuttosto o ridimensionare la pagina (scegliendo un fuori formato che decidi tu per ottimizzare il foglio) oppure ingrandirla fino ad occupare la maggior area possibile meno lo spazio per crocini ecc... (sì, é quasi un problema matematico di area massima), poiché per un libro di foto, formati, su un A3 più piccoli di un A5 mi sembrano improponibili, o trovi qualcuno che ha stampanti capaci di accettare formati superiori e ricalcoli le dimensioni della pagina del libro (per stampa in digitale) oppure ingrandisci la pagina fino a posizionare, sul 70x100, 8 pagine in fronte ed 8 pagine in retro (se sono 16 complessivamente) sottraendo sempre quei 1,5-1,7 cm necessari alle pinze, ai crocini ecc... e quindi considerano in definitiva, non un 70x100 ma un 70-1,5/7x100-1,5/7

ad esempio un 24.575x34.15 dà su un 100x70 (un 70x100 ruotato) otto pagine per facciata, lasciando ampi margini per il taglio e tutto il resto, l'alternativa, senza la rotazione, é un formato pagina 17.075x49.15 che non richiede rotazione del foglio macchia nell'imposizione, ma presenta lo svantaggio di un rapporto tra le due dimensioni, con preponderanza assai più marcata della lunghezza sulla larghezza

e se nel primo caso il rapporto (0.71961933) era assai vicino a quello di un 17x24 (0.70833333) nel secondo si nota troppo la differenza (0.3474059)

dopodiché, per quanto attiene al problema di COME STAMPO UN FOGLIO COSÌ GRANDE? avendo un foglio 70x100 geometria quasi uguale a quella di un formato B1 (70,7 × 100), ti basta produrre un menabò di queste dimensioni con el pagine, quindi, se non trovi chi ti stampa il B1, puoi scendere nella serie B (B2, B3, B4 ecc...) finché non trovi la tampante adatta a quel foglio e il tuo avoro sarà perfettamente ridotto in scala e basterà solo segnalarlo.

 Boe Doni, N.D.

in effetti boe tu hai completamente ragione: il problema è che non so quante pagine ho!
il professore doveva scegliere 15-20 scatti tra tutti quelli proposti, e in verità vorrei farne ancora un pò per completare il lavoro, ma purtroppo (il mio progetto consisteva nel fotografare un gruppo rock di roma, "illudendo" il pubblico che si trattava di un gruppo anni 70, e quindi bianco/nero, contrasto alto, magari un pò di grana) non posso farle così quando voglio...
dovrei farmi una sorta di bozza per vedere quante pagine ho, e dopo, scegliere il formato...ma se non ho ancora tutte le foto...

il problema principale sarebbe stampare su un formato superiore dell'A3 in copisteria che sia magari un patinato lucido di grammatura sui 120 per poi presentarlo...

 /le, N.D.

Penso che quello che dice Boe Doni sia giustissimo, purtroppo però spesso in università non tutto segue una logica ferrea.

È probabile che al professore interessi un calcolo teorico delle considerazioni che sono fin qui state fatte, ma che, allo stesso tempo, gli interessi semplicemente il mockup della pubblicazione per vedere come viene a prescindere dai calcoli fatti.

 TCK, N.D.
001design.it ® è un marchio registrato.
© 2004-2017 Molfese Paolo - P.Iva: 03430820617 - All rights reserved | Tutti i diritti sono riservati.