Conviene aprire la partita iva?

Salve a tutti!
Spero che qualcuno possa darmi una mano.

Mi sono laureato da poco, ho 23 anni. Mi occupo di grafica.

Sono stato chiamato da un'azienda per lavorare con loro.

Io non ho la partita iva, e proprio per questo, durante i colloqui abbiamo sempre parlato di un contratto a progetto; tra l'altro della durata di 3 mesi con eventuale rinnovo.
La paga sarebbe di circa 1000 euro al mese (o forse di meno).

Oggi mi hanno chiamato per dirmi che ero stato scelto e che dovevo aprire la partita iva.

Io gli ho risposto che mi prendeva di sopresa perché non avevamo mai parlato di Partita Iva, ma di contratto a progetto.
Mi è stato detto di informarmi e che mi avrebbero richiamato per sapere cosa volevo fare.

Guardando su internet qua e la mi sono accorto che per me non sarebbe per niente conveniente! Inoltre avrei spese di commercialista e un sacco di noie burocratiche da sbrigare.
Io non ho una ditta in cui ci sono spese, non avrei nessun rientro dall'iva!

Secondo voi che cosa devo fare? Io non ci capisco molto di queste cose...

Aiutooooooooo!!!

 mumax, N.D.

Ciao Mumax,
oltre a leggere qui per quanto riguarda gli adempimenti fiscali: http://www.001design.it/forum_italiano/thread.php?id=1304

Senza P.Iva, per cifre piccole come quelle puoi chiedere di fare un contratto di collaborazione occasionale. Alla fine dovrai fornire loro il codice fiscale ed i soliti dati generici.

Io ti consiglio di attendere prima di aprire la partita iva, perché una volta aperta non potrai nemmeno usufruire di eventuali agevolazioni per iniziare l’attività.


 Pablito, N.D.

Ma loro mi hanno offerto un posto di lavoro come dipendente! Con contratto a progetto!

La cosa strana è che loro, chiedendomi la Partita Iva, mi offrirebbero una sorta di consulenza... giusto?
Ed è qualcosa di cui non si era affatto aprlato durante i colloqui.
Io farei otto ore al giorno da lunedì a venrdì, con o senza partita iva. Anzi, senza non le farei, visto che ora mi hanno detto che è una condizione.

Cambiare le cose alla fine mi smbra strano.
Ma mi sembra ovvio che per loro è solo una questione di comodità.

Io che sono ancora alle prese con le prime esperienze lavorative, non penso sia opportuno aprire la partita iva, non trovi?
Non ne avrei nessun beneficio...

 mumax, N.D.

Lavoro a progetto e lavoro occasionale

Ok, ti faccio chiarezza con questi link, così potrai decidere meglio in base alla proposta che ti hanno offerto.

Lavoro a progetto:
http://www.welfare.gov.it/RiformaBiagi/RapportiLavoro/LavoroAProgetto/default.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Contratto_a_progetto
http://www.webimprese.com/legge/Articoli/cont_lavcc.htm

Lavoro occasionale:
http://www.welfare.gov.it/RiformaBiagi/RapportiLavoro/LavoroOccasionaleAccessorio/default.htm

Se la prestazione che offri non è continuativa nel tempo, allora è una semplice collaborazione occasionale.

 Pablito, N.D.

Secondo me non puoi aprire una Pi per soli tre mesi....e poi sinceramente...se prima ti han detto contratto a progetto = 1000 euro
ora con PI dovrebbe essere non dico il doppio ma almeno 1500 considerando che poi hai delle spese...
Io 8 anni fa ho aperto PI xchè un agenzia mi ha promesso lavoro e io nel frattempo avevo gia i miei clienti...Ma ho lavorato con loro 3 anni...non 3 mesi....Come al solito vogliono approfittarsi del neo laureato

 72dpi, N.D.

premetto che sono un collaboratore esterno!
guarda io ho appena finito un contratto a progetto con uno studio ma per farlo non mi hanno chiesto nessuna partita iva!perchè mi hanno spiegato che per il contratto a progetto + di 5.000 euro all anno non puoi fare e quindi non serve aprire la partita iva, perchè allo studio non interessa; solo se il lavoro supera i 5mila li si che ti chiedono la partita iva!
poi adesso questo studio vuole assumermi part time ma di p.i. non ne ha mai parlato!
quindi non so quanto ti convenga aprirla!

 serenity, N.D.
001design.it ® è un marchio registrato.
© 2004-2017 Molfese Paolo - P.Iva: 03430820617 - All rights reserved | Tutti i diritti sono riservati.